ITALIA CUP DI FORMIA: BUONE LE PRESTAZIONI DEGLI ATLETI BIANCOROSSI

Abbiamo raccolto molti spunti di lavoro per migliorare le prestazioni commentano Sangiuliano e Bergamasco

 

Tre belle giornate di regata con vento da Levante- Grecale in crescendo costante dagli 8kn del primo giorno ai 26 (in raffica) del terzo, e onda viva non completamente formata, hanno accompagnato i 420 laseristi in regata nelle otto prove dell’Italia Cup Laser di Formia, organizzata da AICL (Associazione italiana classi Laser) e Circolo Nautico Caposele.

 

Negli ILCA 6 partono bene Alessandro Maravalle, Alberto Divella e Pietro Paolo Semeraro che al termine della seconda giornata si qualificano nella flotta Gold per le finali. Nonostante alcune buone prove invece Ferdinando Conte e Paolo Pettini impiegano un po’ per entrare nel mood della regata e finiscono in Silver.

Nelle finali: in continuo miglioramento Alberto Divella che ha dimostrato ottime potenzialità concludendo la regata al 37⁰ posto su 194 partecipanti; al 44⁰ posto Alessandro Maravalle che non ha spinto al massimo per il timore di sbagliare. Buona anche la prestazione di Pietro Paolo Semeraro, il più giovane del gruppo, entrato al 60° posto in Gold, che ha concluso al 57⁰ regatando nei primi 45 e dimostrando di poter fare di più.

Nella flotta silver tenta di riscattarsi Ferdinando Conte che con 2 prove abbastanza buone conclude al 5⁰ posto assoluto tra i 64 partecipanti di flotta, 71⁰ in generale. Rimane invece lievemente indietro Paolo Pettini, penalizzato dal forte vento per la sua fisicità ancora in fase di sviluppo.

 

Negli ILCA 4 un problema alla barca nella seconda giornata costringe Gabriele Amodio al ritiro nell’ultima prova facendogli perdere la qualificazione in Gold. Insieme a Vittorio Latrofa, Amodio gareggia quindi la finale tra i Silver. I due chiudono la regata rispettivamente al 74⁰ posto Amodio e al 94⁰ posto Latrofa, su 179 partecipanti totali.

 

Infine, tra gli ILCA 7 Ciro Basile non riesce a dare il meglio di sé, forse a causa di un ocs nella prima prova che lo porta ad essere molto conservativo nelle successive partenze e quindi svolgere tutte le regata in continuo recupero. Nonostante queste difficoltà il barese conclude la regata al 13⁰ posto su 44 partecipanti.

 

“Al di là della classifica il risultato che portiamo a casa è tutta l’esperienza che ci ha dato questa regata – commentano gli istruttori Riccardo Sangiuliano e Luca Bergamasco-. Come pensavamo già prima di partire le prove di Formia si sono rivelate davvero un ottima palestra per i nostri atleti. Abbiamo raccolto molti spunti di lavoro per migliorare le prestazioni fisiche, tecniche e soprattutto mentali dei nostri ragazzi. Nelle prossime settimane lavoreremo su questo per continuare a crescere e migliorare”.

Related Posts